La neurocosmesi polisensoriale non è fantascienza. È un nuovo modo di gestire la beauty care, una disciplina che dona bellezza ma anche benessere. Il futuro è beauty. E la bellezza è sempre più rivoluzionaria. Perché l’estetica deve escludere il piacere o addirittura la felicità? Perché il senso comune associa generalmente la bellezza al dolore? Non è necessario. Non più, con la neurocosmesi polisensoriale. La neurocosmesi polisensoriale non è un concetto astratto e non è un’utopia, ma è un nuovo approccio, un nuovo modo ragionato e scientifico di prendersi cura della pelle: la neuro-beauty è una svolta che consegnerà al domani persone con una pelle splendida e un sistema nervoso al top. Affiancando al rituale di bellezza la ricerca del benessere, la neurocosmesi polisensoriale arriva a nuove, inattese forme di splendore, di energia, di luminosità, salute e (addirittura) felicità.

Che cos’è la neurocosmesi polisensoriale?

La Neurocosmesi è un’applicazione della biologia cutanea, strutturata su una scoperta importante: pelle e sistema nervoso sono collegati e, di conseguenza, il cosmetico giusto può portare benefici non solo all’epidermide ma anche, stimolando i recettori cutanei, all’intero sistema nervoso. La neurocosmesi, approfondendo gli studi di fisiologia cutanea, ha scoperto la presenza di recettori oppioidi sulle principali cellule della pelle. I recettori sono collegati alle beta-endorfine, e il loro legame incide sulla produzione di melanina, sulla rigenerazione cellulare, sull’idratazione cutanea e, di conseguenza, sull’invecchiamento cellulare. Un cosmetico, di conseguenza, può regalare splendore ma anche salute. E non solo.

Alla ricerca della felicità

Convenzionalmente, nell’immaginario della beauty care, i trattamenti di bellezza rendono rilassati e quindi felici. La neurocosmesi polisensoriale JoyDerm lo fa concretamente, utilizzando cosmetici che vanno specificamente a stimolare il sistema nervoso e le endorfine. I benefici sono un miglioramento a breve, medio e lungo termine delle condizioni dell’epidermide, ma anche e soprattutto una sensazione generalizzata e fluttuante di felicità. Integrando l’approccio neurocosmetico con aromaterapia e cromoterapia, i prodotti JoyDerm vanno a stimolare piacevolmente i sensi mentre, allo stesso tempo, alleggeriscono la mente. Senza contare il fatto che specchiarsi e vedere la propria pelle rigenerata (e senza il botox!) rivoluzionerebbe l’umore a chiunque. Chi l’avrebbe detto che un cosmetico potesse rivelarsi così potente?

Pin It on Pinterest

Share This